Breve storia degli anarchici
italiani. 1870-1970
Alessandro Aruffo
Datanews, pagg.255, Euro 12,50
 
In questo saggio, Alessandro Aruffo (studioso dei Paesi afroasiatici) ricostruisce la storia del pensiero e dei movimenti anarchici dalle origini al 1970. Il lavoro, pur dando conto del movimento anarchico mondiale, si sofferma sulla storia degli anarchici italiani e sulle caratteristiche peculiari dell'anarchismo italiano: dall'anarco-sindacalismo che ha segnato tutta l'esperienza del movimento operaio e sindacale degli ultimi cento anni allo spontaneismo e al pacifismo che hanno caratterizzato la storia dei movimenti sociali dal Sessantotto al movimento "no global" dei giorni nostri.  Per ogni periodo vengono analizzate le figure di spicco, da Bakunin a Cafiero, a Malatesta, a Borghi, a Berneri.
  L'opera si rivela utile per comprendere le radici di un pensiero che ha influenzato largamente l'intero movimento operaio italiano, pur essendo stato tenuto ai suoi margini e talvolta misconosciuto e combattuto aspramente.