Ultime notizie
Roberto Reale
Nutrimenti, pagg.380, Euro 14,00
 
IL LIBRO - Che cosa c'è a ovest di Berlusconi? Come sta la democrazia dell'informazione oltre i confini italiani? Questo  libro parte dalla terra del conflito d'interessi e guarda a Stati Uniti e Gran Bretagna. Al mondo anglosassone dove è nata e si è consolidata la libertà di stampa. Un viaggio che porta a una conclusione allarmante: l'Italia resta una sorta di laboratorio negativo, ma all'estero le cose non vanno meglio. Dal 2001, sotto la spinta  del terrorismo, della guerra, delle concentrazioni, è caduto anche l'ultimo mito: quello del giornalismo anglosassone indipendente, sentinella e controllore della democrazia. Una diagnosi amara che costringe a riconsiderare in modo diverso anche la situazione italiana.
  "Ultime notizie" è una impietosa indagine sulla libertà di stampa occidentale attraverso molti documenti inediti. Un viaggio in cui si incontrano nomi noti, da George W. Bush a Tony Blair, Karl Rove, Rupert Murdoch, Bruce Springsteen, Dan Rather, Bob Woodward, ma anche protagonisti sconosciuti in Europa. Cento storie tutte meritevoli di attenzione, vicende che fotografano e raccontano un mondo che sta cambiando. Dove l'ideale del cittadino informato, protagonista consapevole della vita democratica, è ogni giorno messo in discussione.
 
  DAL TESTO - "E' emerso un enorme problema di 'cultura giornalistica', fatto di pigrizie e cattive abitudini ormai consolidate in molte redazioni. Se non 'cambieranno marcia' molti operatori dei media si autocondanneranno a occuparsi per l'avvenire solo di pettegolezzi. O a fare da 'reggimicrofoni' ai padroni di turno. Altro che quarto potere. Ma è una sciochezza astrarre questo discorso da un contesto. Persino il Pentagono in uno straordinario documento dedicato alla comunicazione ha spiegato che i media "sono troppo condizionati dalle motivazioni commerciali", dai risultati di mercato e dalla pubblicità. Sta qui l'origine del problema".
  "Sicuramente già oggi si registrano sulla rete modalità innovative di diffusione di notizie, informazioni, documenti, un tempo impensabile. Il processo è destinato a crescere con effetti che potrebbero mettere in discussione gli equilibri di un sistema globale che oggi è pesantemente sbilanciato a favore della televisione, in particolare dei canali "allnews" che sono stati i veri padoni del gioco. E sono riusciti a condizionare, con la loro tempestività, l'inerpretazione degli eventi".
 
  L'AUTORE - Roberto Reale, giornalista e docente di linguaggio radiotelevisivo, coordina il progetto 'Media e democrazia' di informazione senza frontiere. Per Nutrimenti ha già pubblicato "Non sparate ai giornalisti".
 
  INDICE DELL'OPERA - "Prefazione" di Aidan White - Prologo - Introduzione - Il grande sonno delle sentinelle dell'informazione - La campagna elettorale in tv - I miracoli della destra - La democrazia disinformata - Lo strano caso del "New York Times" - Walter Pincus e la verità insabbiata dal "Washigton Post" - Come uno scoop diventa boomerang - Il futuro della Bbc - Guardando al futuro - Conclusioni - Appendice - Bibliografia essenziale