Iraq confidential
Scott Ritter
Nuovi Mondi Media, pagg.335, Euro 19,50
 
IL LIBRO - Dopo la Guerra del Golfo, Scott Ritter, a capo delle ispezioni ONU sugli armamenti iracheni, si trovò al centro di un gioco pericoloso. Operando in una fitta nebbia di spionaggio e controspionaggio, Ritter e il suo team erano determinati a scoprire la verità riguardo alle armi di distruzione di massa. E la CIA era altrettanto determinata a mettere loro i bastoni tra le ruote. In realtà, come poi si è saputo, in Iraq non è mai stata trovata alcuna arma di distruzione di massa. Se questa informazione fosse trapelata, la corsa dell'America verso la destituzione di Saddam Hussein sarebbe stata irrimediabilmente compromessa.
  “Iraq Confidential” racconta un mondo di sotterfugi e raggiri in cui niente è come sembra, testimoniando la disillusione di un patriota che scopre le menzogne e le malefatte del proprio governo. Una schiera di personaggi (politici, militari, agenti del Mossad, dell'MI6, della CIA...) insaporisce una narrazione poderosa e dettagliata, intrigante come un thriller.
Un libro che pare più un film di spionaggio. Ma qui la fonte è insindacabile e tutto ciò che Ritter racconta corrisponde, semplicemente, a verità. Alla verità di fatti mai svelati prima.

  DAL TESTO - "Nell'agosto del 1998, lasciai il miglior lavoro che avessi mai avuto in tutta la mia vita e che probabilmente non avrò mai più. Per quasi sette anni ero stato un ispettore Onu per il disarmo che, come centinaia di altri miei colleghi, aveva ricevuto l'incarico dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di sovrintendere alle operazioni di smantellamento delle armi di distruzione di massa irachene nell'ambito del programma della United Nations Special Commission, meglio nota come Unscom. In qualità di ispettore di questa commissione Onu, mi fu data un'opportunità unica: potevo non solo pianificare e mettere in atto le ispezioni, ma anche avere il controllo della direzione, raccolta e valutazione delle informazioni riservate che venivano utilizzate in ogni fase delle suddette operazioni.
  "Come membro con maggiore esperienza dello staff Unscom, ero anche a conoscenza degli intrighi politici ad alti livelli che circondavano il lavoro degli ispettori. Ero responsabile di alcune delle operazioni più delicate (e di alcune delle più delicate attività di collegamento) in cui era coinvolta la commissione. Grazie a queste particolari circostanze fui messo al corrente di molti retroscena, tanto che ora mi trovo a poter raccontare la storia completa delle operazioni segrete di intelligence verificatesi all'interno dell'Iraq. Fino a oggi, questa storia non e' mai stata scritta e l'unica versione che ne e' circolata, e che e' stata accettata, è quella della Cia”.

  L’AUTORE - Scott Ritter è stato ispettore Onu sugli armamenti in Iraq tra il 1991 e il 1998. Prima di lavorare per le Nazioni Unite era un ufficiale dei marines e un consigliere del generale Schwarzkopf nella prima guerra del Golfo. Pur essendo stato vittima di numerose campagne di diffamazione e nonostante gli innumerevoli tentativi di emarginazione, Ritter ha mantenuto inalterata la sua credibilità e la sua autorevolezza. Attualmente è opinionista di “FoxNews”.

  INDICE DELL’OPERA – Prefazione italiana, di Gino Strada – Prefazione, di Seymour Hersh – Introduzione – Prologo - Parte prima – Il Battesimo - Capitolo 1. Una delicata operazione di bilanciamento - Capitolo 2. L'insidiosa strada per l'indipendenza - Capitolo 3. Resa dei conti a Baghdad - Capitolo 4. Contrattacco - Capitolo 5. Sopprimere la verità - Capitolo 6. Si cambiano le carte in tavola - Parte seconda – La Crociata - Capitolo 7 – Nuovi amici - Capitolo 8 – Un nuovo inizio - Capitolo 9. Avventure ad Amman - Capitolo 10. Abuso di fiducia - Capitolo 11. Il punto d'ascolto - Capitolo 12. I manovratori - Capitolo 13. Contraccolpo - Capitolo 14. La pillola avvelenata - Capitolo 15. Truffa all'americana - Capitolo 16. White House Blues - Parte terza. Tradimento - Capitolo 17. La verità viene a galla - Capitolo 18. Passi avanti contro l'occultamento - Capitolo 19. Nuove direttive - Capitolo 20. False partenze - Capitolo 21. La morte delle ispezioni - Epilogo – Tutte quelle menzogne