SS Fallschirmjäger.
Il Battaglione Paracadutisti SS
Massimiliano Afiero
Editoriale Lupo, pagg.96, Euro 14,00
 
IL LIBRO - Un libro dedicato ad una delle unità meno conosciute della Waffen SS, pur essendo impiegata durante la sua esistenza in operazioni eclatanti come il tentativo di catturare Tito nel maggio del 1944, l'occupazione militare di Budapest (Operazione Panzerfaust), il colpo di mano dei tedeschi nelle Ardenne (Operazione Greif) fino ai combattimenti sul fronte dell'Oder. E' il primo volume in assoluto che tratta questo argomento. Ricca e inedita la documentazione fotografica.

  DAL TESTO – “Himmler, dopo essere riuscito a monopolizzare tutti i centri politici e militari tedeschi, infiltrando ovunque suoi uomini, voleva ora anche la Luftwaffe di Goering. Il maresciallo del Reich dopo il disastro di Stalingrado era stato accusato di incapacità per non essere stato in grado con i suoi aerei di rifornire le truppe assediate nella città sul Volga; Hitler non riponeva più alcuna fiducia nel suo fedele collaboratore. La campagna arruolamenti interessò tutte le unità della Waffen SS, germaniche e non, riscuotendo un grande successo. Considerando che la nuova unità di paracadutisti doveva essere impiegata in azioni pericolose oltre le linee nemiche, venne deciso di estendere l'arruolamento anche agli appartenenti ai battaglioni di disciplina delle Waffen SS, formati da ufficiali, sottufficiali e soldati che avevano avuto problemi con la legge militare: un ordine dell'SS-FHA (l'alto comando delle SS) fissò una percentuale del 50% per i volontari provenienti dalle unità Waffen SS e il resto per i volontari prelevati dai battaglioni di disciplina. In molti testi, erroneamente, viene eccessivamente sottolineata la presenza di questi ex-galeotti nell'unità, questo anche a causa del numero di identificazione dell'unità stessa (500) assegnato in precedenza all'SS-Bewährungsbataillon 500, un'unità penale delle SS. Il raggruppamento di tutti i volontari per la nuova unità SS avvenne a Chlum in Cecoslovacchia nell’ottobre 1943. Come primo comandante del battaglione fu designato l'SS-Sturmbannführer Herbert Gilhofer, proveniente dal 21° SS Panzer Grenadier Regiment della 10a divisione SS Frundsberg. Nel novembre 1943 il battaglione iniziò l’addestramento e i lanci a Madanrushka-Banja, vicino Sarajevo, presso la nuova Luftwaffe Fallschirmschule nr. 3. L'addestramento venne completato nell'area intorno a Papa, in Ungheria all’inizio del 1944”. 
  L’AUTORE - Massimiliano Afiero nasce ad Afragola (Napoli) nel 1964. Insegnante di informatica, Programmatore ma soprattutto appassionato studioso del secondo conflitto mondiale, ha pubblicato numerosi articoli sulle principali riviste di Storia a diffusione nazionale, come 'Storia del XX Secolo', 'Storia e Battaglie', 'Storia del Novecento', 'Raids' e 'Milites' e collabora attivamente con numerosi siti web a carattere storico-militare.

  Ha pubblicato nel 2001, con la casa editrice Ritter, "I volontari stranieri di Hitler" dove viene narrata la storia dei volontari stranieri arruolati nelle forze armate germaniche. Nel settembre 2003 è iniziata la collaborazione con la Casa editrice Marvia per la Collana Waffen SS, con un primo testo sulla divisione Wiking, un secondo sulla divisione da montagna Nord (febbraio 2004) ed un altro sulla Panzergrenadier Division Nordland (Luglio 2004).
 
  INDICE DELL’OPERA – Capitolo primo. Nascita e formazione del battaglione – Capitolo secondo. Controguerriglia nei Balcani – Capitolo terzo. Operazioni nei Paesi Baltici - Capitolo quarto. Operazione Panzerfaust – Capitolo quinto. Operazione Guardia sul Reno – Capitolo sesto. Fronte dell’Oder – Uniformi ed equipaggiamenti – Armi
 
Richiedere a: Editoriale Lupo, Casella postale 10, 50039 Vicchio (FI). Telefono 055/8497514 - Posta telematica: raidit@newnet.it