L'ultima diaspora. Soccorso ebraico durante la seconda guerra mondiale
Sandro Antonini
De Ferrari & Devega, pagg.228, Euro 24,00
 
IL LIBRO - Considerando la ormai imponente produzione storiografica e letteraria dedicata alla questione ebraica durante la seconda guerra mondiale, l'opera presentata, che certamente contribuirà a colmare una lacuna, trova la propria specificità nel campo del soccorso ebraico, una materia semi-sconosciuta, i cui assi portanti furono retti da uomini determinati, alieni da concezioni semplicistiche e consapevoli di agire in un contesto straordinario qual era l'Europa tra il 1939 e il 1945. Per il loro tramite, oltre 5000 ebrei (su un totale di circa 9000 assistiti) poterono lasciare l'Italia e i paesi occupati in quel tragico tempo.
  Ciò fu anche possibile per gli aiuti internazionali, che non mancarono, e per una “catena di solidarietà” dovuta agli stessi ebrei che riscoprirono vincoli creduti scomparsi. Né mancarono gli aiuti interni e neppure – benché in forma non ufficiale – il notevole contributo della Chiesa. Il libro ripercorre le tappe di quest'avventura.
 
  DAL TESTO - "Le vicende descritte nelle pagine che seguono [...] riguardano - in modo approfondito - la Delasem (Delegazione assistenza emigranti, cui si sarebbe dovuto aggiungere ebrei, termine che, a causa dell’ostilità manifestata dal fascismo al potere, dovette rimanere sempre sottinteso), l’ente assistenziale ebraico con sede a Genova e diramazioni in tutto il paese e all’estero, che operò nell’Italia della seconda guerra mondiale e in Europa prodigandosi nel salvataggio dei correligionari in difficoltà. [...] Non si può tuttavia parlare dell’ente di assistenza senza focalizzare la figura dell’avvocato Lelio Vittorio Valobra, nominato suo presidente, il quale tra il 1940 e il 1945 si adoperò con rara efficienza per la causa ebraica, dopo un passato di fascista rigettato in via pressoché definitiva nel 1938 a seguito dei provvedimenti razziali. [...] L’organizzazione diretta da Valobra costituisce in Europa un caso inimitabile: salvataggio di oltre cinquemila ebrei riconosciuti (francesi, tedeschi, croati, greci, rumeni, ungheresi, ecc.), assistenza di oltre novemila, talvolta in situazioni davvero critiche: per esempio a Camillanissi (un’isola dell’Egeo nei pressi di Rodi, dov’era naufragato un battello a pale proveniente da Bratislavia che trasportava oltre 500 profughi), oppure nei territori jugoslavi controllati dagli ustascia, con il salvataggio di 45 bambini poi rifugiatisi a villa Emma nelle vicinanze di Modena e infine, a conclusione della guerra, avviati in Palestina".
 
  L'AUTORE -  Sandro Antonini è nato a Sestri Levante, dove tuttora vive, nel 1952. Dopo l’università e seguendo un proprio autonomo percorso non accademico ha incominciato ad occuparsi di storia del Novecento, con particolare riferimento al Fascismo. Non appartiene a nessuna scuola, non si rifà ad alcun maestro. Per l’editore De Ferrari, di Genova, ha pubblicato finora quattro libri: 'Sestri Levante 1940-1945: gli anni della guerra' nel 1998; 'Catene al pensiero e anelli ai polsi' nel 1999; 'DelAsEm – Storia della più grande organizzazione ebraica italiana di soccorso durante la seconda guerra mondiale' nel 2000. Nel novembre 2001 è uscito il volume 'La Liguria di Salò', lungo excursus sulla Repubblica sociale in Liguria e sulle sue numerose implicazioni. Successivamente, su sollecitazione di amici, ha compiuto un’incursione nella storia medievale scrivendo 'Adriano V dei Fieschi', dedicato alla vita del cardinale genovese Ottobono Fieschi, poi pontefice con il nome, appunto, di Adriano V. Il volume è uscito nel marzo 2002. Il suo impegno attuale riguarda il Fascismo delle origini.
 
  INDICE DELL'OPERA - Prefazione - Ringraziamenti - Sigle che compaiono con maggiore frequenza - Brevi antefatti - I. La Delasem dalla dichiarazione di guerra al 1943 - II. L'armistizio e la frammentazione: le molte Delasem - III. La Repubblica sociale italiana e gli ebrei - IV. La Delasem durante l'occupazione tedesca - V. Oltre la frontiera: la Delasem in Svizzera - VI. Le ultime battaglie: la Delasem nel dopoguerra - Documenti - Indice dei nomi