Sulla Turchia e l’Europa
Alberto Rosselli
Edizioni Solfanelli, pagg.160, Euro 10,00
 
IL LIBRO – All’interno dell’UE il dibattito sull’ingresso della Turchia in Europa appare molto intenso e conflittuale, e, nonostante i molti passi avanti compiuti dal governo di Ankara nel rispetto dei parametri imposti da Bruxelles, le non infrequenti battute di arresto avvertono che il cammino verso l’integrazione si prospetta ancora lungo e tortuoso. In questo breve saggio, che ripercorre in sintesi la storia dell’impero ottomano e della Turchia, vengono riportate le opinioni e le riflessioni (spesso radicalmente contrastanti) di studiosi e giornalisti esperti di questioni politiche, geopolitiche, religiose ed economiche. riguardo al delicato tema dei rapporti tra lo Stato anatolico e l’Europa.

  DAL TESTO –  “[...] vi è molto di europeo nella Turchia moderna, almeno da un punto di vista ideologico ed istituzionale: il padre della Patria, Mustafà Kemal Ataturk, era un militare, educato con criteri piuttosto simili al prussianesimo e alla antica tradizione giannizzera. Egli guardò con uguale simpatia agli aspetti ideologici del comunismo di Lenin e del fascismo di Mussolini: atteggiamento, in quegli anni, assai comune nell’area balcanico-danubiana. In seguito, la Turchia si resse su di una serie di colpi di stato infilati uno nell’altro, come matrioske, fino all’ultimo, che, di fatto, ha impedito che il Paese venisse governato dall’Islam integralista.
  "Eppure, nonostante questo laicismo esasperatamente esibito, il governo dei successori dell’Ataturk non prescindette mai dall’islamicità della Turchia, quasi a confermare quell’antica ambiguità di fondo. Potremmo quasi dire che, oggi, in qualche modo, l’Islam giustifica il modo di essere della stessa Turchia, rappresentando (come dovrebbe fare anche per l’Europa il Cristianesimo) il tramite tra un passato di splendore ed un futuro pieno di speranze. Ma non è tutto. Anche con i propri trascorsi storici la Turchia non ha ancora accettato di misurarsi pienamente, e questo, come sottolinea efficacemente Rosselli, rappresenta un deciso freno all’ingresso del Paese in Europa.
  "Sul tappeto vi sono tre questioni decisive, che, pur con qualche concessione da entrambe le parti, devono essere risolte, posto che Ankara voglia veramente entrare a far parte dell’UE: quella del massacro degli armeni, quella della persecuzione dei curdi e quella di Cipro. Per quanto riguarda gli armeni, qualche piccolissimo passo avanti la Turchia lo ha compiuto sulla strada dell’ammissione del genocidio del 1915: molto, tuttavia, rimane da fare, se è vero che il governo di Ankara si è però limitato ad ammettere, riguardo al numero di vittime, cifre enormemente inferiori alla realtà, sostenendo, implicitamente, l’idea di un massacro determinato più dalle condizioni disagiate del tempo di guerra che da una scientifica volontà di sterminio da parte dei turchi. Ma anche nei riguardi della minoranza curda siamo ancora assai lontani dagli standard di tutela delle minoranze imposti dalla comunità europea al proprio interno. E riguardo poi all’occupazione di Cipro, ai danni della Grecia, il contenzioso interessa uno stato membro dell’UE, e questo certo non facilita le cose".

  L’AUTORE – Alberto Rosselli, genovese, giornalista e saggista storico, collabora da tempo con diversi quotidiani e periodici nazionali ed esteri e con svariati siti internet tematici. Come studioso di storia moderna, contemporanea e militare ha al suo attivo diversi saggi tra cui Québec 1759, Il Conflitto anglo-francese in Nord America 1756-1763 (tradotto anche in lingua inglese), Il Tramonto della Mezzaluna - L’Impero Ottomano nella Prima Guerra Mondiale, La resistenza antisovietica e anticomunista in Europa Orientale 1944-1956 e L’Ultima Colonia – la guerra coloniale in Africa Orientale Tedesca 1914-1918. Dopo una prima fase di ricerche incentrate sulla storia nordamericana del XVIII secolo, in questi ultimi anni Rosselli ha dedicato gran parte dei suoi studi alla storia politica, diplomatica e militare slava, balcanica, mediorientale - con particolare riferimento al periodo ottomano e contemporaneo - e a quella africana.

  INDICE DELL’OPERA – Presentazione, di Marco Cimmino – Premessa – Il paese – La caduta dell’impero ottomano – Il trattato di Sèvres – Il trattato di Losanna – La repubblica di Turchia e il kemalismo – La Turchia durante la seconda guerra mondiale – Il cammino della Turchia verso L’Europa – La questione cipriota – La questione armena – La questione curda – Scuole di pensiero a confronto – Religione e Stato in Turchia – La posizione del Vaticano e degli intellettuali cattolici – Cosa c’entrano i turchi con L’Europa? – Cosa ne pensa il popolo turco? – Quali i veri confini dell’Europa? – Cronologia della Turchia – Cronologia dell’integrazione europea – Bibliografia