La venerabile trama. La vera storia di Licio Gelli e della P2

Giorgio Galli
Lindau, pagg.150, Euro 16,00
 
IL LIBRO – "Ancora oggi Licio Celli e la P2 fanno parte dell'immaginario italiano come un archetipo, ovvero la quintessenza, il nocciolo duro, il cuore nero di un potere che a contatto con la sua ombra è capace di tutto. Anche di spaventare ancora, anche di ritornare quando non esiste più." Come è possibile contraddire questa recente affermazione di Filippo Ceccarelli, se si pensa che alla P2 sono stati attribuiti tentativi di colpi di stato, attentati, stragi, forme innumerevoli di corruzione, a ogni livello e per qualunque fine, in pratica qualsiasi anomalia del sistema politico italiano (e persino un ruolo nel mistero di Rennes-le-Chà-teau e nelle vicende di un'altra società segreta, il Priorato di Sion)? Ma possiamo davvero credere che il nostro paese sia stato per qualche decennio in balia di una ristretta élite (anche a voler prendere la Massoneria di Palazzo Giustiniani nel suo insieme) pronta a tutto e determinata ad assumere il potere a ogni costo? Davvero è esistito uno Stato dentro lo Stato che, infischiandosene di partiti, governi, parlamenti e procedure democratiche, ha tramato, seminato bombe, ucciso o fatto uccidere? È stato realmente operante un complotto pluto-(giudaico?)-massonico ai danni di tutti, e di qualcuno in particolare? E Licio Celli è stato il Grande Vecchio, il burattinaio occulto e inesorabile di un inquietante teatrino dei Pupi? A queste e ad altre domande intende rispondere l'Autore in questo volume.

DAL TESTO – “[…] Si sta oggi affermando la tendenza a far rientrare tutti gli irrisolti misteri italiani nel quadro del grande scontro semisecolare tra il «mondo libero» vittorioso e il «comunismo» sconfitto, con gli eventi italiani determinati da una «sovranità limitata», dipendente dagli Stati Uniti.
“In questo contesto, le vicende italiane, con poche centinaia di vittime, possono essere rappresentate come episodi dolorosi, ma in fondo marginali, di un conflitto cosmico nel quale la luce ha prevalso sulle tenebre.
Le pagine che seguono sul ruolo della Massoneria sono una proposta metodologica per contrastare il prevalere di un’impostazione concettuale che, una volta affermatasi, renderebbe impossibile accertare quello che è realmente accaduto nelle singole situazioni.
“Per evitare che vengano tutte fatte rientrare nel quadro che si è detto, occorre procedere per classificazioni. Indubbiamente molte vicende italiane possono essere capite solo nel quadro della Guerra Fredda e del confronto tra Usa e Urss. Vi sono, però, altre trame che non dipendono dalla Guerra Fredda e sono la conseguenza di lotte di potere tra gruppi e personalità italiani, che solo con l’inganno e in maniera pretestuosa sono state collegate al contesto internazionale.
“In qualche caso vi può essere stata un’intersecazione tra le due situazioni, un collegamento tra iniziative italiane e un ambito particolare, in un periodo preciso, nel quale le condizioni internazionali del momento possono aver esercitato qualche influenza. Ma, in generale, attraverso una ricostruzione precisa che il tempo trascorso consente ormai di definire storica, è possibile giungere a una distinzione e a una classificazione, sino a pervenire a una mappa comparativa completa di tante vicende che l’opinione pubblica, e soprattutto le giovani generazioni, collocano in una nebulosa i cui confini e la cui estensione proprio il trascorrere del tempo rende sempre più indefiniti. L’analisi del ruolo della Massoneria è un primo contributo alla costruzione di una tale mappa.”

L’AUTORE – Giorgio Galli è stato docente di storia delle dottrine politiche presso l’Università degli Studi di Milano. Tra le sue numerose opere ricordiamo: “Il decennio Moro-Berlinguer. Una rilettura attuale” (2006); “Enrico Mattei: petrolio e complotto italiano” (2005); “Hitler e il nazismo magico” (2005); “Piombo rosso. La storia completa della lotta amata in Italia dal 1970 a oggi” (2005); “I partiti politici italiani, 1943-2004” (2004). Presso le Edizioni Lindau ha pubblicato “La magia e il potere” (2004).

INDICE DELL’OPERA – Introduzione - 1. Sovranità limitata - 2. L’Italia e le aree di tensione - 3. La P2 non salva Moro - 4. Gelli dall’intervista alla perquisizione - 5. Gelli e la P2 tra realtà e leggenda