Novità


Bombardate l'Italia. Storia della guerra di distruzione aerea 1940-1945
  11 GIUGNO 1940. Un solo giorno è passato dalla dichiarazione di guerra di Mussolini alla Francia e alla Gran Bretagna, e già cadono le prime bombe su Torino. In quasi cinque anni, da Nord a Sud l'intero Paese sarà attaccato dai bombardieri alleati. Il bilancio è drammatico: non meno di 70.000 vittime, probabilmente molte di più. Una grande catastrofe nazionale , che lascia ovunque profonde e durature ferite , sebbene non paragonabile per morti, distruzioni e sofferenze a quelle di Germania e Giappone, le altre due potenze sconfitte. Eppure la pioggia di bombe sull’Italia durante la Seconda guerra mondiale è andata incontro a una sorta di rimozione collettiva sia degli eventi stessi sia delle cause che l’hanno...
Leggi tutto...
 
Onde di rivolta
  Da Roma a Belfast, dalla rivolta del ’77 alla resistenza irlandese. E ancora, la desolazione ideale degli anni ’80 stretta alle speranze deluse degli anni ’90. Quattro storie, quattro personaggi si rincorrono e si incrociano: è il mare che tira le fila di questi destini, il mare che è una presenza dominante nel romanzo. Ma non è solo il mare a tessere le vicende dei protagonisti: c’è una forza altrettanto grande, ed è quella della rivolta interiore. La necessità di lottare per un ideale, per una società migliore, per la libertà di un popolo, con la volontà di...
Leggi tutto...
 
Rapporto sulla tradizione. A colloquio con il successore di monsignor Lefebvre
  Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro hanno intervista in esclusiva Bernard Fellay, successore di Monsignor Lefebvre, fondatore della Fraternità San Pio X. Da questo documento eccezionale emerge un profilo particolare e inedito sui sacerdoti che, nel terzo millennio, celebrano la messa di San Pio V, portano la veste talare e parlano di tradizione. Chi sono questi sacerdoti e i fedeli che li seguono? Sono veramente persone fuori dal mondo e dal tempo, come vengono dipinti ogni volta che si parla di loro, o hanno qualche cosa di serio da dire sul presente e persino sul futuro? Sono degli scomunicati e degli scismatici da cui stare alla larga per la salvezza dell'anima, o sono parte della Chiesa? Insomma, chi sono questi "lefebvriani"?
Leggi tutto...
 
Se ci sei, batti un colpo... 100 articoli de "La Stampa" per la storia della RSI
  Vengono qui presentati, per la prima volta, gli articoli che Concetto Pettinato – uno dei più brillanti e significativi giornalisti italiani del Novecento – scrisse per “La Stampa” dal dicembre 1943 al marzo 1945, nella sua veste di direttore del quotidiano torinese. Giornalista di penna facile e versatile, inviato in molti paesi europei, si era distinto per un particolare interesse per le questioni di carattere europeo e internazionale, che emerge anche da queste pagine. Dotato di forte senso critico e di notevole indipendenza di giudizio, durante la Rsi, sostenne la necessità di un ruolo effettivo dello Stato repubblicano contro lo strapotere del Partito: dopo il famosissimo articolo, Se ci sei, batti un colpo…, nel giugno 1944, Pettinato dovette interrompere la...
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1511 1512 1513 1514 1515 1516 1517 1518 1519 1520 Succ. > Fine >>

Pagina 1517 di 1578