Novità


Carlo Zen. L'eroe di Chioggia

bergamo zen  Carlo, della famiglia Zen, che leggenda vuole fosse imparentata con gli Imperatori bizantini Leone II e Zenone, iniziò il suo percorso educativo ad Avignone dal Papa per poi trasferirsi a Padova ma, per via della vita dissoluta e di qualche amore adulterino, lasciò gli studi e si trasferì a Patrasso, in Grecia, dove diede mostra di grandi doti marziali. Il suo carattere lo portò a trasferirsi di nuovo e giunse a Costantinopoli dove trovò il suo vero amore, si sposò e intraprese l'attività di mercante. Coinvolto nelle faide familiari dei Paleologo, si spostò sull'isola di Tenedo, divenuta...

Leggi tutto...
 
Primo Levi. Ancora qualcosa da dire

tesio primolevi  "Alla domanda: «Lei come è riuscito a domare la materia di Se questo è un uomo traendo da quell'orrore un'opera di tale chiarezza, sensibilità ed eleganza formale?», Levi sostiene: «Non so come rispondere. Innanzitutto perché ho scritto quel libro quarant'anni or sono. E durante questi quarant'anni ho costruito una sorta di leggenda attorno a quest'opera, affermando che l'ho scritta senza alcuna pianificazione, di getto, senza meditarci sopra. Le altre persone con le quali ho parlato di questo libro hanno accettato la leggenda. In realtà la scrittura non è mai spontanea. Ora che ci penso...

Leggi tutto...
 
Il fascismo alla ricerca del “Nuovo Mondo”

giannattasio fascismo  L'ascesa del regime di Mussolini segna l'inizio di un periodo di grande e inatteso interesse della pubblicistica italiana per l'America Latina. Sebbene le linee di tendenza appaiano per molti aspetti in continuità con quanto pubblicato durante l'Ottocento e i primi del Novecento, nel corso del ventennio si produce, infatti, una rilevante svolta nella riflessione e nell'interpretazione dei paesi latinoamericani. Sospinti dalle attenzioni riservate dal fascismo alla regione, una folta schiera di giornalisti, scrittori, viaggiatori e accademici prendono a frequentare assiduamente il subcontinente...

Leggi tutto...
 
Tempo libero, sport e fascismo

serapiglia tempo  Questo volume prende spunto dal seminario "Tempo Libero, Sport e Fascismo", che si è svolto presso l'Università degli Studi di Siena tra il 16 e il 18 ottobre 2014. In quel contesto, studiosi, provenienti dalle Università di: Siena, Bologna, Coimbra, San Paolo del Brasile e Vigo, si sono interrogati sul valore del tempo libero e dello sport nell'ambito dei regimi di Mussolini, Salazar, Franco e Vargas, ponendo le basi per una teoria comune circa la funzione del loisir nel contesto dei fascismi. I regimi che videro la luce negli anni Venti e Trenta, oltre a nascere nello stesso contesto storico, intrattenevano strette...

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 1439