Novità


«Un assoluto inizio»

fabris guardini  Un pensiero lucido, quello del filosofo e teologo Romano Guardini (1885-1968). Una razionalità che si oppone a ogni forma di totalitarismo, una cristologia che si fa critica all'ideologia, una riflessione costante sulle due nature, umana e divina, di Gesù Cristo, sulla sua morte, suprema forma d'amore e di dolore, sulla bellezza, dono di Dio da conservare e proteggere, sulla Chiesa come punto d'incontro tra il mondo e la Luce, sul femminile, sullo spazio della liturgia nella sua dimensione architettonica. Una riflessione ricca, varia e articolata, che in questi saggi viene posta a confronto con le...

Leggi tutto...
 
Se avessero

sermonti seavessero  Una mattina di maggio del 1945 tre (o quattro) partigiani si presentano col mitra sullo stomaco in un villino zona Fiera di Milano alla caccia d'un ufficiale della Repubblica Sociale (o forse di tre), lo scovano, segue un ampio scambio di vedute, e se ne vanno. Da questo aneddoto domestico, sincronizzato bene o male ai grandi eventi della Storia, si dipanano settant'anni di ricordi di un fratello quindicenne, confusi ma puntigliosi, affidati come sono agli «intermittenti soprusi della memoria»: il nero-sangue e il gelo della guerra, la triste farsa di sognarsi eroe, poi il «passaggio...

Leggi tutto...
 
Michael, cane da circo

london michael  "Michael, cane da circo": a cent'anni dalla sua scrittura, presentiamo una nuova traduzione del testo integrale, per riscoprire il fascino e la verità di un libro complesso, snaturato nello stile e nei contenuti dalle vecchie traduzioni che lo trasformavano in un "libro per ragazzi". Con un linguaggio aspro, fantasioso, che accosta lo slang alla poesia dei paesaggi selvaggi, il dialetto "bêche de mer" parlato tra coloni e indigeni nelle isole del Pacifico all'espressività letteraria e sognante del vecchio marinaio, London ci accompagna, assieme al protagonista a quattro zampe, in un viaggio appassionante...

Leggi tutto...
 
Quaderni di storia n.83/2016

qds83  Nel periodo compreso tra la nascita e lo sviluppo dell'"Istituto di Studi Superiori" (1859-1924), Firenze divenne il centro principale per il rilancio degli studi greci in Italia, anche grazie alla visione organizzativa e culturale di Pasquale Villari. Questo saggio fa ampio uso degli archivi storici dell'Università di Firenze per tracciare una mappa descrittiva delle cattedre di Greco presso l'Istituto: dal primo inizio titubante con Gregorio Ugdulena, a Enea Piccolomini, Domenico Comparetti e Girolamo Vitelli, fino a quando, con l'arrivo di Giorgio Pasquali, la scuola storica italiana raggiunse la sua piena maturità...

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 1127