Novità


Eia eia alalà. Controstoria del fascismo

pansa eja  Nell'Italia del Duemila può presentarsi l'avventura autoritaria di un nuovo Benito Mussolini? Anche oggi siamo un paese strozzato da una crisi pesante, con una casta di partiti imbelli e un possibile conflitto tra ceti diversi. Sono queste assonanze con gli anni Venti del Novecento che hanno spinto Giampaolo Pansa a scrivere "Eia eia alalà", un antico grido di vittoria riesumato dallo squadrismo fascista. Il racconto inizia con la lotta di classe esplosa tra il 1919 e il 1922, guidata dai socialisti e sconfitta dall'inevitabile reazione della borghesia. Il nero nacque dal rosso: l'estremismo violento delle sinistre...

Leggi tutto...
 
Imre Nagy, un ungherese comunista

pietrosanti nagy  Questa è la prima biografia di Imre Nagy, il primo ministro della rivoluzione ungherese dell'ottobre 1956, pubblicata in Italia. La sua vita viene attentamente seguita a partire dalla sua nascita nel 1896 nell'Ungheria meridionale e dalla sua adesione e conversione al comunismo nel 1917, fede che non abbandonerà più per tutta la sua vita insieme alla forte coscienza nazionale ungherese. Nagy visse l'attivismo nel partito, l'esilio a Mosca, il ritorno in patria nel dopoguerra e gli incarichi governativi, fino a salire a capo del governo nel giugno 1953. Il suo nuovo corso riformista fu contrastato ed interrotto nella...

Leggi tutto...
 
Sulla superstizione e il miracolo

florenskij superstizione  "Le dispute intorno alle superstizioni e ai miracoli sembrano non aver mai raggiunto una soluzione definitiva, accompagnandoci sottotraccia fino ai nostri giorni. Di questo travagliato confronto teoretico e pratico, il lucido saggio di Florenskij sembra pienamente consapevole, sebbene l'intento non sia la ricostruzione storiografica del problema, quanto piuttosto l'analisi delle complesse dinamiche psicologiche e antropologiche che fanno da sfondo ai fenomeni della superstizione e alla costruzione delle loro artificiose macchine illusionistiche. Smontando e smascherando con...

Leggi tutto...
 
"Faust" di J. W. Goethe

goethe faust-aicc  Goethe attese alla stesura del "Faust" per circa sessant'anni, dal periodo degli studi a Strasburgo sino alla fine della sua vita. La tragedia è divisa in due parti. La Prima che si conclude con la morte e la salvezza della povera infanticida, Margherita, e la Seconda, in cinque atti, che finisce con la morte e la salvezza di Faust. Il lasso di tempo di circa trent'anni in cui furono composte le scene della Prima Parte rende l'opera oltremodo composita e comporta disparità notevoli sul piano formale e drammaturgico, che si riflettono soprattutto nel carattere del protagonista che ora dà voce al titanismo...

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 889