Novità


Andare per le vie militari romane

brizzi viemilitari  Tre sono le strade che più delle altre hanno scandito la conquista e il controllo della penisola da parte di Roma: l'Appia, la Flaminia e l'Emilia, vie consolari sorte nell'arco di 125 densissimi anni. Inizialmente, progettando l'Appia, Roma si propose di difendere la «prima Italia», il versante tirrenico raccolto intorno all'Urbe. La Flaminia, via militaris per eccellenza, permise poi di tener separati i principali nemici, i Galli e i Sanniti, consentendo di disporre da mare a mare una fascia di territorio fedele alla res publica. L'Emilia (187 a.C.), infine rappresentò per molto tempo la chiusura a settentrione...

Leggi tutto...
 
Clausewitz, guerra e incertezza

dalpane clausewitz  Leggere Clausewitz significa interrogarsi sulla razionalità politica della guerra e sul ruolo di guerre ed eserciti nel processo di formazione dello Stato moderno e oltre. Ma significa anche volgersi a guardare la guerra come azione umana che esalta all'estremo uno dei tratti costitutivi della condizione umana: l'incertezza. Nonostante tutti gli sforzi di previsione e pianificazione, in guerra ogni cosa è inevitabilmente ed anzi necessariamente incerta; anche gli ostacoli di natura prettamente materiale, pure quelli non dipendenti dall'interazione con il nemico, diventano rilevanti...

Leggi tutto...
 
Grand Hotel Scalfari

gnoli_scalfari  Mai Eugenio Scalfari si era aperto a considerazioni così intime. Sono le confessioni di un novantacinquenne divertito e attratto da questa lunga epoca di transizione. Attraverso le voci di Antonio Gnoli e Francesco Merlo, egli rivive il suo «secolo di carta», negli anni del trionfo e in quelli recenti del declino. Interrogandosi su cosa potrà riservarci il futuro. Se c'è un modo di essere autenticamente se stessi, queste pagine lo rivelano attraverso gli episodi meno noti o addirittura sconosciuti della sua vita. Ecco allora scorrere, come in un romanzo, l'infanzia cattolica e i genitori in crisi, le profonde amicizie...

Leggi tutto...
 
La cultura del narcisismo

lasch narcisismo  Alla fine degli anni Settanta, dopo aver pubblicato una serie di libri dedicati alla crisi del liberalismo, Christopher Lasch dà alle stampe La cultura del narcisismo, l'opera che annuncia il tramonto dell'uomo economico e l'avvento di un nuovo tipo di uomo: il narcisista. A distanza di più di quarant'anni dalla sua pubblicazione, il libro non soltanto non cessa di parlarci, ma svela forse soltanto ora la sua piena attualità. Mescolando analisi psicologica, sociologica, letteraria e filosofica, Lasch ritrae l'uomo che appartiene alla nostra epoca, l'epoca della fine dell'etica del lavoro e della fiducia nel...

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 1584